Risotto alla polpa di peperoni

Risotto alla polpa di peperoni

Come se vi sentissi!!!
Buoni i peperoni ma io non li digerisco!

Allora dovrete ricredervi, perché questa ricetta è ad alta digeribilità. La “leggenda” dice che del peperone la parte che ci torna a gola son le bucce…bene, qui di bucce un ce n’è manco l’ombra!
Un risotto alternativo pieno di colore e gustosità, che vi profumerà la casa e di sicuro i vostri commensali chiederanno il bis!
Questa è una ricetta leggermente rivisitata di quella assaggiata alla trattoria l’Antico Forno a Villamagna.

peperoniPeperoni in pentolapeperoni tagliatipassaverdurerisotto_ai_peperoni

risotto alla polpa di peperoni

RISOTTO ALLA POLPA DI PEPERONI

  • 1 peperone Rosso a testa + uno giallo per la pentola
  • 1 cipolla bianca
  • Scamorza fresca o pecorino
  • Parmigiano
  • 1 cipolotto fresco
  • Concentrato di pomodoro o Ortolina
  • 2 tazzine da caffè di riso a persona

Per i Peperoni:

Mettere in una casseruola i peperoni tagliati grossolanamente e privati dei semi, aggiungere 2-3 tazze abbondanti di acqua e far cuocere a fuoco alto finché non si saranno ammorbiditi (circa 35-40 min). Controllare sempre che il livello dell’acqua sia almeno di 3 dita, non deve scendere oltre, neanche a cottura ultimata, quindi se necessario, aggiungerla via via.

Versare tutto il contenuto della casseruola nel passa vedure per separare la polpa dalle bucce.
Salare la polpa di peperone ottenuta.

Per il Risotto:

In un’altra pentola fare un soffritto di cipolla usando a piacere il burro o l’olio extravergine, aggiungere il riso e farlo saltare insieme alla cipolla per qualche minuto, sfumare con del vino bianco.
Se avete del brodo vegetale fatto in casa meglio, sennò potete usare l’acqua, unirla poco alla volta nel riso assicurandosi che il fuoco non sia troppo alto, giratelo spesso.
A metà cottura aggiungere la polpa di peperoni e far finire di cuocere e aggiustare di sale.
A cottura ultimata aggiungere un cucchiaio di Ortolina (o di concentrato di pomodoro), una noce di burro e una bella grattugiata di parmigiano per mantecare.

Lasciare riposare qualche minuto prima di servire.
Una volta nel piatto aggiungere a piacimento un’abbondante grattugiata di scamorza fresca o pecorino e come ultimo tocco un po’ di cipollotto fresco.

Finalmente dormirete sonni tranquilli.

Al Fornelli: Myself

Photos: Gaia Roscilde © Forchette Rotanti

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...